500
Accedi Registrati

Accedi


Periodicamente il nostro Club assegna un riconoscimento - simboleggiato da un piatto d'argento - a quelle figure del mondo dei motori, dell'economia, dello spettacolo etc. etc., che si sono particolarmente distinti nel contribuire a "mantenere e diffondere il mito della Fiat 500 nella sua valenza di fenomeno di costume e simbolo dell’ingegno italiano”.

Finora hanno ricevuto il premio Dante Giacosa, Giovanni Nasi, Pierluigi Noberasco, Cristina Siletto e Renzo Arbore.


MOTIVAZIONI DEL PREMIO

 

DANTE GIACOSA

È il padre della Topolino e della “Nuova 500”. Nel lontano luglio del 1984 scriveva al nostro club ringraziandolo per “l’inusitata e tanto più encomiabile iniziativa di dare un nuovo soffio di vita e prestigio alla cara Fiat 500”. Dante Giacosa ha dimostrato di essere un grande uomo e un grande tecnico che ha saputo muoversi a suo agio nel vasto mondo dell’automobile. Negli anni del boom economico, Giacosa ha pensato le auto che hanno motorizzato il nostro paese. Per la “Nuova 500”, ha ricevuto, nel 1959, il Premio Compasso d’Oro.

Dante Giacosa
   

GIOVANNI NASI

Ingegnere e vice presidente della Fiat negli anni ’80, garlendese d’adozione, nonché socio sostenitore del club sin dai primi anni. È stata una delle prime persone a cui è stato presentato il progetto di fondare un Club dedicato alla 500. L’ingegner Nasi e la moglie Marinella hanno dato, con la loro presenza, prestigio ed importanza ai primi timidi raduni tra i pochi appassionati. Costante è stato il suo interessamento e il suo aiuto per la sempre maggior diffusione di un club dedicato alla piccola grande auto uscita dalla Fiat.

Giovanni Nasi
   

PIERLUIGI NOBERASCO

Cavaliere del Lavoro e primo sponsor del Raduno Internazionale di Garlenda. Durante una vita di lavoro, coronata da un successo non solo italiano ma internazionale, Noberasco, da ligure autentico che ama le cose semplici, genuine e funzionali, ha sempre dimostrato attenzione e disponibilità per la Fiat 500, contribuendo all’affermazione del nostro sodalizio. La “500” e Pierluigi Noberasco hanno in comune la laboriosità, il concetto progettuale e di vita teso al risparmio e alla massimizzazione del rendimento, la lunga durata e una grande carica di simpatia e di umanità.

Pierluigi Noberasco
   

CRISTINA SILETTO

Il suo legame con la 500 è rappresentato dall’affinità con il genio di Dante Giacosa, in grado di creare delle vetture innovative, piacevoli nel design e nella guida, che lasceranno un segno indelebile nella storia dell’automobilismo italiano. La scelta dell’ingegner Siletto ha un duplice significato: confermare il rapporto di collaborazione del nostro Club con la FIAT e premiare la professionalità, la passione e la determinazione di questo giovane.

Cristina Siletto
   

RENZO ARBORE

La 500 e Renzo Arbore rappresentano lo “stile italiano” apprezzato nel mondo.Il premio è un giusto riconoscimento a chi ha fatto la storia della Radio, della Televisione e della Canzone italiana insieme alla vettura simbolo dell’ingegno italiano. La 500 ha contribuito alla ripresa economica del dopoguerra e alla motorizzazione alla portata di tutti e Renzo Arbore, autorevole ambasciatore dello stile italiano nel mondo, contribuirà a conservarne e a diffonderne il mito.

Renzo Arbore
   

ROBERTO GIOLITO

A seguito del lavoro per la realizzazione della Nuova 500, nel 2008 ottiene il Premio dei Premi per l'Innovazione dal Presidente della Repubblica nella sezione design, nel 2011 la Fiat 500 riceve il prestigioso premio Compasso d’Oro ADI. Già nel 2001 primo direttore del nuovo Advanced Design Center del Gruppo Fiat, (dove prenderà forma la concept-car ispirata all'icona della storica della 500: la Trepiùno, presentata a Ginevra nel 2004), viene nominato direttore del Centro Stile Fiat & Abarth dopo il lancio della nuova Fiat 500 del 4 luglio 2007.
La Nuova 500, presentata anche a Garlenda nel 2007, si ispira fortemente nella linea ed anche nel concetto di essenzialità alla vettura cui è dedicato il nostro Club.”

giolito

   

LUISELLA BERRINO

Speaker 'storica' di Radio Monte Carlo, aveva presentato gli spettacoli nelle prime due edizioni del Raduno di Garlenda (1984 – 1985) e da quel momento ha sempre seguito e sostenuto le iniziative del nostro sodalizio. Luisella ha ricevuto il premio ricordando con gioia l'affezione alla 500 del padre Mario (noto pittore alassino) e sottolineando l'importanza che la 500 ha rivestito e riveste tutt'ora, nelle famiglie di tutti gli italiani.

Luisella Berrino

 

FRANCESCA GRIMALDI

Nota giornalista RAI, responsabile dei Motori per il Tg1, curatrice della rubrica Tg1 Motori e consigliere ASI  è stata premiata con il riconoscimento "Dante Giacosa" il 17 settembre 2016. Nel corso della sua carriera ha dimostrato grande competenza per il mondo dei motori e molta attenzione per la storica 500, mito italiano e nostro orgoglio in tutto il mondo. Sono numerose le occasioni in cui la Grimaldi ha espresso grande stima per questa vettura sia durante le proprie trasmissioni televisive, sia in occasioni di confronto con il pubblico di appassionati, come, ad esempio, durante le fiere di settore automobilistico più importanti. In molte circostanze la Grimaldi ha incontrato i dirigenti ed i soci per condividere il comune amore per la storica auto che ha aiutato gli italiani a crescere.

 

 

NEWSLETTER DEL CLUB

Privacy e Termini di Utilizzo