500
Log in Registrati

Log in


Cerimonia di presentazione dell'esposizione straordinaria della Fiat 500 appartenuta al Presidente della Repubblica Sandro Pertini

Nel pomeriggio di martedì 9 aprile 2024 presso la Sala “Cristoforo Colombo” del Consiglio Regionale della Liguria in Via Fieschi a Genova si è tenuta la cerimonia di presentazione dell'esposizione straordinaria della Fiat 500 appartenuta al Presidente della Repubblica Sandro Pertini. La vettura, una D rossa del 1962, arriva dal MAUTO – Museo Nazionale dell'Automobile di Torino, dove abitualmente fa bella mostra di sé in una grande sala con la Mole Antonelliana e una mappa del capoluogo piemontese.

L'utilitaria più amata dagli Italiani che fu del Presidente più amato arriva dunque a Genova con tutto il suo bagaglio di memorie e di significati, legati naturalmente alla figura di Pertini (che era ligure e per la precisione nativo di Stella, in provincia di Savona), ma anche alla piccola vettura, che è diventata un'icona mondiale del made in Italy.

La 500 si inserisce nel ricordo del 45° anniversario della visita di Pertini alla Città e alla Regione Liguria, su iniziativa del Consiglio Regionale e degli Stati Generali del Patrimonio Italiano. Anche il Fiat 500 Club Italia era presente con il presidente fondatore Domenico Romano, il Vicepresidente Alessandro Vinotti, il Consigliere Nazionale ASI Carlo Giuliani, Ugo Elio Giacobbe e Silvio Bertolotto, rispettivamente conservatore e viceconservatore del Museo Multimediale della 500 “Dante Giacosa” di Garlenda (SV), e alcuni soci.

Durante la cerimonia, il presidente fondatore del Fiat 500 Club Italia ha dichiarato: “La Fiat 500 di Pertini è qui a sottolineare la nostra identità: si tratta di un mezzo semplice, genuino, inclusivo e rispettoso delle persone: un’auto che ama essere più che apparire, proprio come il presidente.”

Il più grande sodalizio di modello al mondo, che ha voluto fortemente il Museo dedicato alla storica bicilindrica, non poteva mancare a questo appuntamento, che sottolinea l'importanza delle vetture d'epoca, autentici “monumenti su ruote”, testimoni dell'evoluzione dell'ingegneria, del design e soprattutto del costume. Lo stesso presidente degli Stati Generali del Patrimonio Italiano, Ivan Drogo Inglese, ha definito la 500 “simbolo identitario del motorismo storico italiano” in occasione della sua visita a Garlenda a febbraio.

 

Pin It