1° Raduno delle Cinquecento a Castel del Piano
500
Accedi Registrati

Accedi


di Antonio Proia 

Il 1° Raduno delle Cinquecento a Castel del Piano (GR), il 22 luglio 2018, è stato davvero un bel successo!

Le preoccupazioni della vigilia (“Avremo pensato a tutto? E il tempo, non farà scherzi…?!”) al termine della giornata hanno lasciato il posto ad un senso di giusta soddisfazione.

Fin dalla 9.00, nel Viale Vittorio Veneto di Castel del Piano, i turisti e i locali hanno potuto ammirare 93 autovetture, passeggiando sotto un bel sole; modelli e colori diversi, accessori curiosi, interni curati hanno attratto l’attenzione dei moltissimi visitatori. E già il momento della registrazione dei partecipanti è stata l’occasione per ritrovare amici e appassionati che ci hanno da subito dimostrato il loro calore e il loro entusiasmo, gli elementi davvero fondamentali per la riuscita di un’iniziativa come questa.

Dopo una bella colazione e il saluto del Sindaco e dell’Assessore al Turismo, con il viatico della benedizione del Parroco Don Gianni Lanini, la lunga carovana colorata si è mossa, accompagnata dal suono dei clacson e delle trombe (nel caso qualcuno non si fosse accorto di quella presenza…).

Dopo aver attraversato il centro di Castel del Piano, ci siamo diretti verso Santa Fiora, lambendo il paese di Arcidosso, con il suo castello Aldobrandesco e percorrendo poi la strada che si snoda in mezzo ai boschi di castagni, dell’Amiata. Tutto è filato liscio, grazie al servizio di controllo che ad ogni bivio e incrocio ha svolto il suo compito in modo impeccabile! A Santa Fiora abbiamo percorso il ponte e costeggiato Piazza Garibaldi, dove abbiamo salutato il Palazzo Sforza e la Rocca Aldobrandesca alla nostra inconfondibile maniera!

E ancora in viaggio, fino alla Centrale Enel di Bagnore 4, che abbiamo visitato, scoprendo le tecnologie moderne per la produzione dell’energia geotermica, legata all’antica natura vulcanica del Monte Amiata. Abbiamo commentato la visita sorseggiando un buon aperitivo e poi di nuovo in macchina! Siamo saliti fino al Prato delle Macinaie (1400 m slm), passando dai castagni alla faggeta; così, nonostante fossero già passate le 13, la ricca vegetazione della “Montagna” ci ha protetto dal caldo. Quando siamo arrivati alle Macinaie abbiamo nuovamente suscitato interesse, curiosità e divertimento tra i turisti che “frescheggiavano” fra gli alberi. E come sempre, l’osservazione delle 500 ha provocato ricordi, considerazioni, anche un po’ di nostalgia fra chi passeggiava fra le auto…

Finalmente a tavola: i commensali hanno trovato facilmente il loro posto nella sala del ristorante apparecchiata perfettamente; i membri dei tanti club venuti da diverse parti del centro Italia si sono ritrovati vicini tra loro e uniti agli altri nuovi amici.
Il menu ha permesso ai partecipanti di scoprire, dopo l’arte e la natura, un’altra ricchezza dell’Amiata, quella gastronomica: i pici, i funghi, la carne, il buon vino! I brindisi, i cori hanno confermato che tutto era di pieno gradimento…

Una partecipazione così calorosa meritava un riconoscimento: tutti gli equipaggi hanno ricevuto un piccolo omaggio, in ricordo della giornata. E l’equipaggio primo iscritto, la nostra poetessa che anche i questa occasione ha pensato a noi e infine il coordinatore di Città del Vaticano hanno avuto un riconoscimento speciale.
Dopo l’estrazione di una piccola lotteria, con premi per tutti i gusti, gastronomici e meccanici, ha fatto il suo ingresso la magnifica torta preparata per l’occasione, prima molto ammirata per la decorazione e poi altrettanto apprezzata per l’ottimo gusto!

Insomma, è stata una splendida giornata. Un ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile la riuscita di questo evento; gli sponsor locali, che hanno dato fiducia a questa iniziativa, realizzata per la prima volta a Castel del Piano; le forze dell’ordine che hanno facilitato e controllato il viaggio lungo le strade dell’Amiata; lo staff che mi ha aiutato nei giorni precedenti e in tutta la giornata E un grazie speciale a Cinzia e Jessica, che hanno organizzato ogni passaggio con precisione elvetica e hanno fatto in modo che nonostante il gran numero di partecipanti, tutto scorresse con tranquillità.

Grazie a tutti

 

Pin It

NEWSLETTER DEL CLUB

Privacy e Termini di Utilizzo