500
Accedi Registrati

Accedi


di Agostino Pellegrino - fiduciario Coordinamento Milano Est

Ore 12 di giovedì 4 novembre, eccomi in magazzino a controllare tutto quello che bisogna portare in fiera per allestire lo stand:

i fondali ci sono, la vetrinetta l’abbiamo ordinata, il prato verde è ben arrotolato, le luci e il materiale elettrico sono in quella scatola, pinze, forbici, cacciaviti, biadesivo, scotch da pacchi, il tavolino per il desktop (pesantissimo) è lì dietro…..i materiali del Club, anche se in extremis, sono arrivati, poi i poster, le riviste… ehi, ma gli accessori d’epoca per esposizione ? le caramelle e le bibite….il caffè…. dov’è la macchinetta del caffè?!? Ah, ok , lo porta Francesca domattina così stasera possiamo berlo ancora a casa. Dai, c’è tutto. Inizio a caricare il furgoncino e confermo l’appuntamento in fiera per le 15 al componente dello staff Stefano Mazza e all’amico e socio Fabrizio Viglione.

Puntuali ci vediamo all’interno e iniziamo a scaricare e ad allestire pian piano lo stand… piccoli problemi con il biadesivo che attacca poco ma rimediamo con la colla spray che agevola le operazioni !!! Attacchiamo i banner del Coordinamento, i poster e montiamo le luci. Tutto fila liscio e alle 18:00 lasciamo il capannone per poi tornare la mattina dopo a completare l’allestimento ed essere così pronti per l’apertura ufficiale di venerdì.

Venerdì, lo stand è pronto: la bellissima giardiniera verde chiaro del 1961 del nostro socio Tomaso Mansutti è arrivata e posizionata. L’illuminazione c’è e anche le piantane e le corde per delimitare lo spazio riservato all’auto sopra un prato verde artificiale sono posizionate insieme al plaid e al cestino da picnic messi di fianco all’auto per “scenografare” meglio il quadretto anni ’60. La chiavetta Usb è inserita nel monitor e faccio partire in loop i video della promozione del club e di alcuni filmati dei raduni fatti. Sono le 12:00 e i primi visitatori iniziano ad arrivare e ci passa a trovare anche un carissimo amico, Federico Moioli, vero esperto e profondo conoscitore delle nostre cinquine. Inizia così la 3 giorni dove accogliamo tutti i nostri soci che colgono l’occasione per rinnovare la propria tessera per il 2022, per bere un caffè insieme e scambiare 2 chiacchiere sugli eventi passati e sui programmi futuri. Molti curiosi si avvicinano a chiedere informazioni e alcuni nuovi utenti “cinquecentisti” decidono di entrare a far parte della nostra famiglia iscrivendosi al nostro Club. In questi giorni abbiamo avuto il piacere di avere in visita il nostro “vulcanico”  fondatore del Club Domenico Romano che ci è venuto a trovare arrivando direttamente da Garlenda insieme al fiduciario Alessandro Vinotti e Marcello. Tra i nuovi iscritti vorrei citare Filippo Cantale che ci racconta che nel 2003 è venuto in possesso della sua 500 L del 1970 di colore verde.

Purtroppo per una serie di eventi l’auto è rimasta ferma in box per quasi 18 anni ma nel 2021 la voglia di usarla è stata grande e ha deciso di restaurala scoprendo che il colore verde dell’auto era in realtà andato a coprire il bianco originale… inutile dire che da lì è iniziata la nuova avventura di quest'auto che proprio per la passione di Filippo e le informazioni ricevute anche dagli altri soci del Club sta per tornare a rivivere nel suo splendore originale. Sabato e domenica, complice il bel tempo, l’affluenza è stata molto alta e, tra gli altri, sono passati a trovarci direttamente dalla Svizzera gli amici Anna e Stefan Etzemberger.  Il nostro stand è stato oggetto di numerose foto tra le quali segnalo quella fatta da una simpatica coppia, Arianna e Lino, che ha voluto farsi ritrarre seduta sul prato come se stessero facendo davvero il loro picnic all’aperto con la giardiniera sullo sfondo. È stato un grande piacere ricevere la visita di molti fiduciari lombardi e di alcuni fuori Regione ed è per questo che saluto ancora cordialmente Angelo Monreale, Alessio Campaner e Alberto Arosio, Max Marchetti, Antonio Orsini, Renato Valbusa, Claudio Calzolari, Bartolomeo Pettiti, Davide e Claudio dello staff di Giovanni Parolini. Vorrei sottolineare anche la telefonata di Lorenzo Achilli che era impossibilitato a venire e il saluto telefonico del presidente Stelio Yannoulis e ringraziare tutti i componenti della segreteria del club per il supporto ricevuto.

Un ringraziamento particolare va a Francesca Bastianoni che oltre a essere la mia compagna di vita condivide la mia passione e le annesse fatiche in fiera e nei raduni che organizziamo. Grazie anche al referente regionale della Lombardia nonché consigliere nel direttivo Cesare Grignani che è stato con noi tutti e tre i giorni, smontaggio e carico finale compreso!!! Stanchi ma soddisfatti vi diamo appuntamento al prossimo anno. 

Pin It