500
Accedi Registrati

Accedi


di Tommaso Damizia*
Domenica 4 settembre 2022 si è svolto il IV raduno Fiat 500 Città di Serrone, realizzato dal Coordinamento di Fiuggi guidato da Fabio Lolli. L'evento "A spasso per la Ciociaria in 500 - Memorial Lillo e Cetto" ha avuto per la prima volta il patrocinio della Pro Loco. 

La giornata è iniziata con un tempo inclemente che minacciava di compromettere la buona riuscita della manifestazione. Alla fine invece è venuta fuori una bella festa di motori e di allegria. Gli appassionati sono giunti alla spicciolata tra le 8,30 e le 10 in Piazza Francesco Pais a La Forma, frazione di Serrone. 
Le oltre 50 auto provenienti dai centri limitrofi, sia della provincia di Frosinone che di Roma, erano tutte tirate a lustro e ben accessoriate. A raccogliere le adesioni c'erano Lucilla, Danilo, Maurizio insieme al sottoscritto; ai partecipanti abbiamo consegnato una borsa di benvenuto contenente una penna, una bottiglia di vino Cesanese di Piglio DOCG, vari gadget e depliant illustrativi del territorio ed anche il buono per un caffè da gustare nel vicino Bar Fontana.
Partiti intorno alle 10,15 nel rispetto della tabella di marcia, ci siamo recati nella vicina cittadina di Paliano per una rapida visita alla piazza prospiciente alla Collegiata di Sant'Andrea, antico reperto di architettura religiosa risalente al periodo storico dei Colonna. L'intera compagnia è stata affidata alle cure di Gianni Minori, fotografo professionista, appassionato di arte, che è rimasto al nostro seguito fino alla conclusione della manifestazione. Il tempo inclemente non ci ha consentito di proseguire nella visita del centro storico, ricco di testimonianze storiche della potente famiglia romana. Non sono mancati un doveroso saluto ai referenti della Credito Cooperativo di Paliano, nostro sostenitore finanziario, ed uno scambio di gagliardetti con l'assessore Vanorio Calamari, in rappresentanza della cordiale Amministrazione Comunale palianese.
Si è ripreso il cammino alla volta di Olevano Romano, Bellegra e Roiate. Le gloriose 500 hanno arrancato un po' nel risalire le prime pendici dei Monti Prenestini ma, dopo qualche incertezza, finalmente sono arrivate a destinazione. Simpatico exploit all'interno della galleria di Olevano dove le 500 più accessoriate e pimpanti hanno dato spettacolo con raffiche di marmitta e effetti sonori vari.
Durante il percorso ho avuto modo di riflettere sull'interesse attorno alla 500, così emblematico e rappresentativo del periodo del "boom economico". Si è trattato, evidentemente, di un'acuta intuizione, da parte di Lillo e di certo di suo fratello Cetto, di promuovere la prima edizione del raduno a testimonianza dei loro bei tempi trascorsi, quando l'economia tirava ed era in continua evoluzione e soprattutto loro erano giovani e forti.
Lunga pausa nella piazza di Roiate per un doveroso saluto ai nostri vicini che abitano in provincia di Roma. Altri 3 chilometri di discesa per volare alla volta di San Quirico, frazione di Serrone, in territorio di Frosinone.
Qui, presso l'hotel La Pace l'accoglienza della famiglia Lolli è stata impeccabile: bevande, bruschette, fritti misti ed aperitivi. Il tutto arrichito dalla impareggiabile Passerina del Frusinate che unita alla fragranza della Ciambella Serronese ci ha dato il giusto vigore per affrontare l'ultimo strappo, stavolta in ripida salita, verso La Forma, frazione adagiata sulle pendici collinari del Monte Scalambra (1419 m slm) lungo la via Prenestina, alla volta di Serrone. Qui, presso il caratteristico locale denominato "il San Michele", ideato è realizzato dall'ingegno di Fulvio D'Aurora, ci attendevano per il pranzo sociale: mozzarella di bufala di Amaseno con prosciutto di Guercino per antipasto; strozzapreti all'ernica con porcini, pancetta e pomodorini torpedino per un gustoso primo piatto; fracosta di vitella e patate arrosto quale classico secondo; millefoglie ai frutti di bosco, caffè ed ammazzacaffè; vini Passerina del Frusinate e Cesanese del Piglio. Il tutto in un'atmosfera serena e piacevole.
La manifestazione si è conclusa con l'invito del sindaco, Giancarlo Proietto, a continuare nell'esperienza solidale tra Club e Pro Loco anche per le future edizioni.

* Presidente della Pro Loco di Serrone

Pin It